PALMA DI MONTECHIARO

[vc_row css_animation=”” row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern”][vc_column][vc_empty_space height=”50px”][/vc_column][/vc_row][vc_row css_animation=”” row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern”][vc_column][vc_column_text]

Palma di Montechiaro

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row css_animation=”” row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern”][vc_column][vc_empty_space height=”50px”][/vc_column][/vc_row][vc_row css_animation=”” row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern”][vc_column width=”2/3″][vc_single_image image=”15284″ img_size=”full” qode_css_animation=””][vc_empty_space height=”50px”][vc_column_text]

Distante 27 km dal capoluogo sorge a 165 m s.l.m. su un ampio terrazzo alle falde del monte Pozzillo, in posizione panoramica verso la costa, caratterizzata da paesaggi marini di incomparabile bellezza, che fanno del litorale un Sito di Interesse Comunitario (SIC). Il territorio si estende per una superficie di 76,36 kmq ed ha una popolazione di 24.518 ab. Le coltivazioni principali sono i vigneti e gli uliveti, presenti anche i frutteti e diffuse culture in serra. La presenza di siti archeologici, che dal periodo preistorico arrivano fino al periodo bizantino, rappresentano, insieme a quelli di Licata, in particolare, e di Campobello di Licata e Ravanusa, in generale, un importante polo archeologico dell’area. Città del “Gattopardo”, con chiari segni della fondazione di colonizzazione agricola, racchiude numerosi edifici civili e religiosi (Palazzo Gattopardo, Chiesa Madre, Monastero delle Benedettine, Palazzo degli Scolopi (sede municipale), chiese del Colleggio di Maria, Purgatorio, Sacra Famiglia e Sant’Angelo. Suggestiva la visione del Calvario, prossimo alla città, con i resti della chiesa di Santa Maria della Luce e di singolare bellezza, a tre km dal centro abitato su un terrazzo roccioso che guarda il mar Mediterraneo, il Castello Chiaramontano, appartenuto ai Tomasi di Lampedusa.

[/vc_column_text][vc_empty_space height=”50px”][/vc_column][vc_column width=”1/3″][vc_widget_sidebar sidebar_id=”Sidebar GAL”][/vc_column][/vc_row]

torna all'inizio del contenuto